Lavorare in proprio: l’era dei freelance, blogger, start-up, partite iva..

Freelance

Share:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print
Freelance
Freelance

La profonda crisi economica degli ultimi anni ha comportato la perdita di molti posti di lavoro, con la conseguente crescita del tasso di disoccupazione tra i giovani ma anche tra i meno giovani che sempre più spesso si trovano a dover fronteggiare un’altissima competizione per poter rientrare nel mercato del lavoro.
Ricollocarsi o riadattarsi ai nuovi contesti lavorativi è sempre più difficile, soprattutto in Italia. Proprio per questo c’è chi ha fatto di necessità virtù, partendo il più delle volte dalle proprie passioni o rispondendo alle esigenze del mercato per provare con coraggio a reinventarsi o crearsi un lavoro da zero.
È l’era delle start-up, dei freelance, o di chi semplicemente con molta forza di volontà e un po’ di spregiudicatezza ha cambiato la propria vita provando a stravolgere le regole del gioco.
Stanno infatti prendendo sempre più piede lavori fino a ieri impensabili, ma che il più delle volte riescono a garantire degli introiti di gran lunga superiori a quelli offerti dai mestieri tradizionali.

Tra le nuove professioni più gettonate del momento ci sono sicuramente quelle che hanno a che fare con la cucina: il pasticcere e lo chef a domicilio, ma anche il food blogger. Si inizia a scrivere per diletto, ma se si è bravi a fare personal branding e a costruirsi una buona web reputation ci sono ampi margini per trasformare la passione in un lavoro. Molto spesso sono proprio le aziende agroalimentari a inseguire i principali food blogger proponendo collaborazioni in cambio di pubblicità nei propri siti. E lo stesso accade anche in altri settori, come la moda o la bellezza.

È proprio il web che offre le maggiori opportunità in questo senso, e anche i numeri lo confermano: da alcune ricerche è emerso infatti che entro il 2015 il 90% dei lavori richiederà competenze on line.
Sono in tanti che usano la rete anche per fare e-commerce: artisti e piccoli artigiani che sfruttano le potenzialità del web per aprire negozi virtuali e vendere le proprie creazioni in tutto il mondo superando i limiti imposti dai punti vendita tradizionali.

Vecchi mestieri che vengono riadattati per andare incontro alle esigenze del mercato, oppure professionalità del tutto nuove, e talvolta molto stravaganti. È il caso di neomamme che si trasformano in insegnanti di allattamento naturale o in consulenti familiari, o ancora di chi si arma di molta pazienza e passa le giornate in fila tra i vari uffici pubblici, vendendo il bene più prezioso e raro: il tempo.
Insomma, se è vero che da un lato si assiste a una crisi che pare non si voglia arrestare, è altrettanto vero che le opportunità per voltare pagina non mancano. L’importante è lavorare con passione, armarsi di buona volontà e spirito di iniziativa, ma soprattutto aprire la mente ed essere sempre pronti a cogliere le opportunità di business che si presentano.

Possono interessarti anche..

RUDY PROFUMI, NATURE & AROME

Qualità, unicità e passione sono le cara1eris2che dis2n2ve di Rudy Profumi, leader nella creazione di prodo7 per la cura della persona, contraddis2n2 dalla ricerca di