Beesness intervista la Direttrice di MAPIC, Nathalie Depetro

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

mapic2

MAPIC è l’evento leader mondiale nel settore del retail real estate. Per tre giorni, più di 2.400 rappresentanti di marchi internazionali visitano gli spazi espositivi del MAPIC per selezionare le migliori aree di sviluppo in centri commerciali, zone di transito e qualsiasi altro tipo di location. MAPIC 2014 ha raccolto 8.400 professionisti di 75 paesi su una superficie espositiva di 12.000 mq. Il programma delle conferenze offerto in fiera mette in evidenza i mercati più interessanti, le ultime tendenze del settore come aree di transito e di svago, nonché l’integrazione degli attori digitali nelle strategie di sviluppo del settore.

nathalie depetro
Nathalie Depetro, Direttrice di MAPIC

MAPIC ha una lunga storia nel settore immobiliare della grande distribuzione in Europa e nel mondo. Come ha fatto MAPIC a mantenere la sua leadership, nonostante la crisi del 2008?
MAPIC continua a crescere grazie alla sua forte internazionalizzazione e per il dinamismo e la creatività dei player immobiliari di vendita al dettaglio, sempre pronti ad andare avanti per trovare nuove opportunità di sviluppo. L’anno scorso, MAPIC ha celebrato il suo 20° anniversario e sono sicura che continuerà a crescere nei prossimi anni. Nel corso degli anni, l’industria del retail real estate ha attraversato molti alti e bassi, ma MAPIC è rimasto al primo posto del settore, accogliendo un gran numero di nuovi marchi e sviluppatori di vendita da tutto il mondo. Il settore si sta evolvendo velocemente, le nuove tendenze come retailtainment o digitali stanno cambiando le abitudini dei consumatori. Questi cambiamenti generano nuove opportunità di vendita al dettaglio da parte dei protagonisti del real estate e noi faremo del nostro meglio al MAPIC per presentarle ai nostri clienti.

Può dirci qualcosa di più sul « Country of Honor» al MAPIC?
Gli Stati Uniti sono pionieri nel settore retail e sono stati presenti al MAPIC fin dalla prima edizione. Gli Stati Uniti sono sempre stati dinamici e creativi sia nel campo dei centri commerciali, catene di negozi, retailtaiment o digitale. Questo è il motivo per cui abbiamo scelto quest’anno gli Stati Uniti come « Paese d’Onore » del MAPIC 2015. Un padiglione dedicato ai principali operatori nordamericani del settore immobiliare della grande distribuzione e diverse sessioni della conferenza si concentreranno sul mercato al dettaglio degli Stati Uniti e le sue specificità. Thor Equities, Vornado Realty Trust e società collegate, che illustreranno il progetto Hudson Yards a Manhattan, saranno alcuni degli sviluppatori americani presenti al MAPIC del prossimo novembre.

Può descrivere la partecipazione italiana al MAPIC?
L’Italia è sempre stata uno dei tre paesi più rappresentati al MAPIC e sarà sotto i riflettori della conferenza in programma quest’anno, in due specifiche  sessioni. Per la prima volta quest’anno, un pranzo speciale riunirà gli sviluppatori italiani e gli investitori internazionali interessati all’Italia. Aziende di alto profilo hanno già confermato la loro partecipazione al MAPIC 2015 tra cui Prelios, Grandi Stazioni, Arcoretail, Promos, IGD, Rustioni & Partners. Importanti progetti saranno presentati quest’anno, come il nuovo centro commerciale di Milano-Arese, presentato dallo Studio Conte, che nasce dalla riconversione delle ex fabbriche Alfa Romeo nella periferia di Milano e che offrirà ad una vasta gamma di rivenditori. Retailers italiani al MAPIC includeranno Benetton, Geox, Calzedonia, Gromart, Illycaffè e Rinascimento. Il know-how italiano nel retailtainment sarà anche illustrato da Dedem, leader nel settore in Italia e che sarà presente al MAPIC per la prima volta. Dedem parteciperà ad un panel dedicato al retailtainment.

Sito web: Mapic.com

mapic5

Possono interessarti anche..

COME GESTIRE UNA RETE IN FRANCHISING

INTRODUZIONE Come gestire una rete in franchising – Dopo il nostro articolo su come creare una rete in franchising, abbiamo ricevuto diverse richieste di approfondimento su un altro