Nicolas Bargi, CEO Save The Duck (video)

Share:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Salve the Duck nasce appunto da un idea, era quella di sposare un filone culturale che già 6 anni fa si iniziava ad annusare. È appunto il filone quello del green, dell’ecologia dell’animal friendly, c’è un ritorno appunto al rispetto per questo pianeta terra e quindi proporre un prodotto che era un prodotto che tutte le collezioni proponevano, che era il piumino, però in una maniera diversa e l’interlocutore che voleva colpire a livello globale era appunto l’interlocutore animalista vegano. Quindi un prodotto fatto apposta per loro, un’alternativa a quello che già il mercato proponeva.

La mia azienda nasce come una azienda molto piccola e fa una strategia commerciale molto molto old style che è quella del old sale classico, quindi vendere ai negozi multi brand molto alti. Punto e basta. Perché solo questo? Perché, per una questione di costi, poca gente, concertazione su un certo tipo di strategia, coerenza, e con questa coerenza siamo passati da un fatturato del primo anno un milione e mezzo al prossimo anno di 32milioni di euro. Attualmente serviamo più di 2000 clienti e oggi dopo 6 anni iniziamo a ragionare su quello che può essere un’opportunità, quella digitale, di appunto applicare questa formula alle nostre strategie in modo tale da accelerare i processi di consumo.

Possono interessarti anche..

STELLAR M22™ IL CIELO È IL LIMITE

Lumenis, l’azienda che ha inventato la luce pulsata ad alta intensità (IPL), è orgogliosa di presentare la nuova generazione delle piattaforme multi-applicazione, la Stellar M22™.

PAROLA D’ORDINE: ESFOLIAZIONE

Quale migliore stagione se non l’autunno per esfoliare la propria pelle? Arriva il freddo e tornano i vestiti lunghi, le gambe e le braccia coperte