Daniele Pescara e la sua Falcon Advice, quando la vocazione imprenditoriale non conosce confini

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Print

Daniele Pescara e la sua Falcon Advice, quando la vocazione imprenditoriale non conosce confini

La storia imprenditoriale di Daniele Pescara, di origini venete, incomincia in Marocco, da giovanissimo, quando decide di lavorare con il ruolo di buyer nell’azienda di famiglia, che si occupava dell’acquisizione di stock di prodotti ittici.

Purtroppo, o per fortuna, a seconda dei punti di vista, la crisi economica globale del 2008, che sconvolse sia i mercati sia lo spirito imprenditoriale italiano, fattosi molto più prudente, se non addirittura rinunciatario, lo porta ad aprire una società in Marocco, volta ad offrire tutta una serie di servizi di assistenza burocratica, con una tempistica molto ridotta.

Le difficoltà riscontrate nella nuova attività lavorativa, sia in termini di tempo dedicato al lavoro sia di guadagno non adeguato, lo portano a orientarsi verso nuovi paesi, gli Emirati Arabi Uniti e nello specifico la città di Dubai, dove si riscontra un’attitudine al business molto marcata e innovativa, non solo rispetto al Marocco, ma anche verso molte altre nazioni, Italia compresa.

Qui Daniele Pescara acquisisce la licenza in Project Management Services e stipula un Gentleman’s Agreement con una delle più importanti Free Zone, aree fiscali speciali, della capitale degli Emirates, dove non esistono tasse, la criminalità è quasi nulla e la burocrazia è semplificata al massimo. E qui inizia un’altra avventura lavorativa.

Daniele Pescara

Si potrebbe dire che l’azienda costituisca un ponte ideale tra il mercato emiratino e quello italiano, garantendo i risultati prefissati in tempi certi.

Ma anche i potenziali clienti devono fare la loro parte, ovvero possedere idee e budget chiari e avere firmato in Italia un contratto di assistenza, di un valore a partire da 20mila Euro.

Fonda la Falcon Advice, società di diritto emiratino, di cui è CEO, mantenendo nel contempo lo studio in Italia, dove è leader del settore, con l’obiettivo di evitare agli imprenditori italiani che intendono trasferire i propri interessi economici a Dubai di intraprendere viaggi lunghi e costosi.

Falcon Advice opera negli UAE e grazie alla specializzazione su Dubai può proporre – in brevissimo tempo – un pacchetto di servizi omnicomprensivo in campo giuridico, fiscale, commerciale e burocratico, a privati, ad aziende, a famiglie e a start-up. Il personale qualificato della società è italiano e lavora e vive negli Emirati Arabi e si occupa principalmente della costituzione di società di diritto emiratino, anche senza l’intervento di un socio locale. Come Free Zone non esistono soltanto Dubai e Abu-Dhabi, ma molte altre location meno costose e meno inflazionate e nel contempo altamente attrattive da un punto di vista della perfomance.

Oltre che per la defiscalizzazione, gli UAE risultano estremamente interessanti per gli investitori italiani a motivo della garanzia offerta dal paese, in termini di assistenza e di privacy, dei collegamenti e delle infrastrutture funzionanti ed efficienti e di prestazioni chiare con tempistica certa.

Da rilevare che il 90 per cento della popolazione delle città emiratine è di origine multietnica e che le differenze culturali e religiose sono tutelate dall’apposito ministero della Tolleranza. Le Free Zone, a oggi sono più di cinquanta, offrono servizi per soddisfare e accogliere gli imprenditori: dalla logistica ai capannoni, dalle utenze agli uffici, dall’acqua alle risorse umane, fino al parcheggio delle autovetture. Il successo per Daniele Pescara e la sua Falcon Advice non tarda ad arrivare: nei primi cinque mesi del 2020 ha gestito un portafoglio di investimenti pari a 30 milioni di Euro.

Non pago della remunerativa attività implementata e sempre alla ricerca di nuove sfide, ha aderito al progetto, nato nel 2012, Dubai Solar Schools, patrocinato dalla Fondazione Culturale dell’Emiro di Dubai e diretto da David Provenzani, professore associato in ingegneria della Sostenibilità alla Curtin University di Perth, in Australia.

Il progetto mira ad installare impianti fotovoltaici sui tetti delle cento migliori scuole di Dubai, per un totale di cinquanta mega Watt, con la formula solar lease, di durata ventennale. Anche se a causa della pandemia l’Expo di Dubai prevista per il prossimo anno sarà molto probabilmente posticipata in attesa di tempi più sicuri per tutti, il mercato di Dubai e il sostegno integrale offerto da Falcon Advice rappresentano per molti imprenditori italiani un’opportunità da non lasciarsi sfuggire.

Siate pronti, Daniele Pescara e la sua Falcon Advice vi aspettano a Dubai!

INFO: www.36oreperdubai.it

A cura della Redazione

Possono interessarti anche..

COME GESTIRE UNA RETE IN FRANCHISING

INTRODUZIONE Come gestire una rete in franchising – Dopo il nostro articolo su come creare una rete in franchising, abbiamo ricevuto diverse richieste di approfondimento su un altro