MAXIMALL POMPEII: UN HUB ESPERIENZIALE CHE DIALOGA CON IL TERRITORIO

Share:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Print

Parte il conto alla rovescia per l’apertura di Maximall Pompeii a Torre Annunziata (NA), l’ambizioso progetto di Irgenre Group destinato a diventare il centro esperienziale più grande del Sud Italia: un investimento di oltre 200 milioni di euro con l’obiettivo di rigenerare l’area e produrre ricchezza per comunità e territorio. A quattro mesi dall’inaugurazione il prossimo ottobre, sono già previste circa 1.500 assunzioni, senza contare la creazione di nuovi posti di lavoro derivanti da infrastrutture, attività e servizi non direttamente legati alla struttura.

Maximall Pompeii, che sorgerà a 600 mt dagli scavi di Pompei, presenterà tutte le caratteristiche dei centri commerciali più moderni e innovativi, in un’ibridazione dell’asset dove a interagire sono i principali fattori di attrazione: turismo, leisure, tempo libero, shopping, food&beverage, entertainment ed edutainment. Ma anche storia e cultura: se dal nome del progetto si comprende infatti la stretta relazione con gli antichi scavi, meta di oltre 4.5 milioni di turisti ogni anno, dalla posizione che occupa si evidenzia la potenzialità a intercettare i flussi di tutta l’area circostante, che va da Napoli alla costiera sorrentina, con una previsione di visitatori annui che in Campania (e nel Mezzogiorno) non ha eguali. Il centro commerciale, inoltre, dista soli 3 km dal Santuario della Beata Vergine Maria del Santo Rosario di Pompei, meta internazionale del turismo religioso che registra circa 2.5 milioni di presenze all’anno.

Il complesso si estende su un’area di 200.000 mq di cui circa 50.000 coperti, ed ospita, oltre a numerosi servizi distintivi, circa 200 brand nazionali e internazionali (160 store unit e 25 food unit) distribuiti su due livelli, tra i quali è possibile passeggiare con la sensazione di essere totalmente all’aperto grazie alla copertura realizzata interamente in vetro. Il complesso prevede anche un hotel Marriott 4 stelle con 135 camere; un auditorium di 1.000 posti su circa 3.000 mq che ingloba cinema, teatro e sala conferenze; 25 ristoranti distribuiti su 3.000mq; una piazza-anfiteatro esterna per eventi di 6.000 mq sulla quale ammirare ogni giorno lo spettacolo mozzafiato offerto dalla fontana danzante il cui gettito supera i 25 mt di altezza; una seconda piazza multimediale interna di 800 mq; un parcheggio di 5.000 posti auto e 30 bus turistici. Inoltre, in una logica di riqualificazione dell’area in chiave ecosostenibile, Maximall Pompeii offre un parco verde attrezzato e aperto al pubblico di 50.000 mq e un’inedita copertura di 10.000 mq, sulla quale è possibile fare jogging e godersi momenti di relax ammirando l’incantevole veduta del Golfo di Napoli.

Maximall Pompeii sarà strettamente connesso con l’identità culturale e paesaggistica del territorio. Nell’auditorium del centro avrà luogo un’iniziativa di edutainment, in collaborazione con Discovery Channel, volta a ricreare attraverso la realtà aumentata la vita a Pompei prima dell’eruzione del vulcano nel 79 d.C. Il progetto è rivolto a tutti, in primis a ragazzi in età scolare ma anche a turisti e appassionati di ogni genere. Irgenre è inoltre in procinto di sottoscrivere un accordo con il Parco Archeologico di Pompei per i lavori di restauro e manutenzione del luogo: un investimento di circa 1,5 milioni della durata di 5 anni.

Non meraviglia che Paolo Negri, Founder e Ceo di Irgenre Group, parli di «una promessa divenuta realtà, di un’occasione enorme che avrà una ricaduta positiva sul tessuto sociale e occupazionale di un’area vastissima. Possiamo prevedere la creazione di circa 1.500 posti di lavoro. Ma essendo un’area altamente demografica, ed essendo convinti che il progetto sarà un successo, non escludiamo numeri ben più alti. Il Sud Italia e in particolare la Campania stanno diventando un riferimento importantissimo per il Mediterraneo e non solo. La scelta di investire in Maximall Pompeii tiene conto di tutte queste grandi evoluzioni, e lo fa in un’ottica moderna e innovativa: da qui la scelta di proporre un asset ibrido e diversificato in linea con i migliori trend del settore».  

Anche la scelta del sito, ricorda Negri, non è stata casuale «ma confortata dallo studio da noi commissionato a CACI, società di fama internazionale specializzata nelle valutazioni di fattibilità, che riconosce all’intervento Maximall Pompeii la possibilità di realizzare numeri entusiasmanti, ovvero circa 12 mln di visitatori e oltre 350 mln di fatturato già dal primo anno». Tutto ciò nell’ottica di valorizzare al massimo l’idea di una Shopping Experience letteralmente cucita sulle esigenze degli ospiti, sia che si tratti di turisti, sia che ci si riferisca alle famiglie. Questo spettacolare hub turistico e commerciale prevede anche un ampio novero di servizi a valore aggiunto: dall’area business e co- working, agli infopoint turistici, ai servizi taxi e tax refund.

Ma Maximall Pompeii è anche un vivido esempio di architettura sostenibile attestato dal riconoscimento della prestigiosissima certificazione internazionale BREEAM che indica una metodologia di valutazione ideata per monitorare e certificare la sostenibilità degli edifici già in fase di progettazione e costruzione: una vera rivoluzione per queste aree. Il complesso rappresenta inoltre una concreta valorizzazione del Made in Italy e delle tradizioni campane, frutto del lavoro di progettazione del pluripremiato studio di architettura Design International. Basti pensare alla piazza del food, le cui dimensioni si estendono per circa 110m per 75m, che dà vita a un nuovo concept strettamente legato alla tradizione nostrana. L’intera progettazione strutturale e le opere di urbanizzazione primaria, dalla fase di ideazione del concept fino alla progettazione esecutiva, sono state affidate alla società di progettazione integrata iDeas.

«E’ nostra volontà creare un punto di incontro con una formula nuova dettata dalla presenza anche di chef stellati che possano offrire all’interno di Maximall Pompeii alcune loro specialità a un prezzo accessibile. Un nuovo modello innovativo di food court basato sulla ricerca delle eccellenze e della territorialità, in grado di regalare momenti di felice seduzione a quanti potranno godere dell’opportunità di vivere quella che noi ci auguriamo possa diventare un’imperdibile esperienza», continua Paolo Negri. Maximall Pompeii sarà dunque un combinato tra hub turistico, food, eccellenze territoriali, brand nazionali e internazionali: un vero e proprio centro di attrazione per la Regione Campania guidato da un team di specialisti del settore, dal Turismo al Marketing al Retail, garantendo un’esperienza unica ed indimenticabile in una logica di Shopping Life Experience.

Il centro sarà facilmente raggiungibile in auto grazie al nuovo raccordo autostradale che agevola l’accesso diretto alla rotatoria di ingresso al centro commerciale e sarà servito dalla linea di collegamento ferroviaria regionale e dalla navigazione veloce del Golfo, presentandosi come un crocevia strategico per tutti i turisti che da Napoli (aeroporto e città) si recano alla penisola sorrentina, alla costiera amalfitana e alle isole. Per intercettare tali flussi sono stati creati servizi di accoglienza come parcheggi riservati ai bus turistici, servizi taxi, un infotourism con biglietteria per siti culturali e musei, esperienze di degustazione e percorsi naturalistici.   

I NUMERI DEL CENTRO:

Opening ottobre/novembre 2024

GLA 50.000 mq

Stato di commercializzazione ad oggi 95%

Numero di food units 25

Numero di store units 160

Lavori in forte avanzamento ed in linea con il cronoprogramma

Finanziamento 200 ML euro

Pilotage avviato

Consegna units ai tenant luglio 2024

Hotel Marriott in costruzione in contemporanea

Cinema/teatro/auditorium in costruzione in contemporanea

Legacy Pompeii Alive 3D in fase di avvio lavori

Rooftop con passeggiata panoramica in completamento


Gruppo Irgenre

Leader nella progettazione, sviluppo e gestione di importanti e innovative opere immobiliari per il settore commerciale, il Gruppo Irgenre della famiglia Negri è oggi una solida realtà riconosciuta in ambito nazionale ed internazionale. Da oltre 30 anni realizza sempre nuovi format immobiliari per ridisegnare il concetto tradizionale di centri, parchi commerciali, outlet ed hotel di lusso e proporre grandi progetti che rispondano alle crescenti esigenze di un’utenza sofisticata e diversificata, massimizzando il valore dell’investimento.

Il Gruppo si è inizialmente dedicato allo sviluppo e alla costruzione di immobili per grandi centri commerciali e per il settore alberghiero. Successivamente, con la divisione Irgen Retail Management, ha ampliato la propria attività anche alla gestione commerciale del patrimonio immobiliare, specializzandosi nella creazione, valorizzazione e gestione di Shopping Center, Retail Park e Outlet.

Con la divisione Irgen Construction, società di servizi tecnici, mette in campo un numero elevato di professionisti specializzati in operazioni di due diligence, project management e progettazione integrata. Inoltre, vanta anni di esperienza nel pilotage occupandosi di pianificazione e progettazione, direzione e controllo dei cantieri edilizi e di valutazione di patrimoni immobiliari. Negli ultimi anni anche il settore della Logistica ha rappresentato un’importante area di sviluppo per il Gruppo con una divisione dedicata alla gestione integrata della supply chain end to end che offre soluzioni personalizzate con servizi integrati, sicuri e sostenibili.

A cura della Redazione

Possono interessarti anche..

RUDY PROFUMI, NATURE & AROME

Qualità, unicità e passione sono le cara1eris2che dis2n2ve di Rudy Profumi, leader nella creazione di prodo7 per la cura della persona, contraddis2n2 dalla ricerca di